CLAUDIA LOSI
La coda della balena e altri progetti 1995-2008
Firenze, Museo Marino Marini, 29.03-5.07 2008
a cura di Alberto Salvatori e a.titolo
Losi

La mostra raccoglie una selezione di venti opere che documentano i temi portanti della ricerca di Claudia Losi dal 1995 a oggi: l’esperienza della geografia trova nel disegno, nel ricamo, nell’installazione, nel documentario - iscritti in una progettualità in progress - gli strumenti per stabilire rapporti profondi e complessi con il paesaggio, gli elementi naturali, gli animali e le comunità umane. Il percorso espositivo, pensato in stretta relazione con il sito, si sviluppa negli spazi della cripta de museo fiorentino. Il chiostro attiguo diviene lo scenario di Balena project, un progetto intrapreso dall’artista nel 2002. Nel corso della mostra la grande balena di lana, modello in scala reale di una balena Physalus, è stata la particolare scenografia per un concerto di Vinicio Capossela e per Sotto-sopra una performance ideata da Kinkaleri.

 

Vedi anche: pubblicazioni a cura di a.titolo

invito della mostra

 

Scarica la scheda mostra

 

POI PIOVVE DENTRO A L’ALTA FANTASIA
La fantasia è un posto dove ci piove dentro
Firenze, Museo Marino Marini, 25.5-30.6.2007
a cura di a.titolo | direzione artistica Alberto Salvadori

“Poi piovve dentro a l’alta fantasia” è il verso di Dante, tratto dal XVII canto del Purgatorio, che Italo Calvino scelse per introdurre la Visibilità nel corso di una delle sue Lezioni americane all’Università di Harvard, tenutesi nell’anno accademico 1985-86. La lettura di quel verso si trasforma in “constatazione”: “La fantasia – chiosa Calvino – è un posto dove ci piove dentro”. Da questa immagine trae spunto la mostra di quattordici artisti curata da a.titolo negli spazi del Museo Marino Marini di Firenze. Video e video installazioni, oggetti e opere pittoriche sviluppano il tema della natura attraverso la costruzione di una serie di percorsi in cui la “visibilità” serve a rintracciare il filo dei pensieri e delle sensazioni, delle esperienze, della memoria e dell’invenzione. La mostra prende posto in mezzo agli oggetti del museo, tra i bronzi e le terrecotte di Marino Marini.

 

artisti: Rebecca Agnes, Felipe Aguila, Marco De Luca, Nicus Lucà, Marzia Migliora + Elisa Sighicelli, Margherita Morgantin, Paolo Piscitelli, Laura Pugno, Andrea Respino, Sara Rossi, Sandrine Nicoletta, Marco Torchio, Laura Viale

 

Vedi anche: pubblicazioni a cura di a.titolo

Felipe Aguila, Movimento senza fine, 2007, still da video

 

Scarica scheda mostra

 

CARETTO / SPAGNA

azioni 2000-2006

Firenze, Museo Marino Marini, 21.6.2006

a cura di a.titolo e Alberto Salvadori

Per un giorno il Museo Marino Marini di Firenze ospita le opere di Andrea Caretto e Raffaella Spagna. Con i reperti e le tracce di una ricerca e di una pratica fondate sulla conoscenza, l’osservazione e l’attraversamento dei territori naturali i due artisti ricostruiscono le tappe della loro comune biografia artistica. Istituendo un temporaneo dialogo con i bronzi, i legni e le terrecotte del celebre scultore offrono nuovi punti di vista sugli spazi del museo. 

Andrea Caretto, Tutte le cose che sono, 2000. Foto Edoardo Delille

 

Scarica la scheda mostra